Euro/Dollaro sulla parità a fine 2012 secondo alcune banche d’affari

di ND82 Commenta

L’euro è senza dubbio il grande malato d’Europa. Sul suo futuro le previsioni di investitori, economisti e analisti finanziari si sprecano

L’euro è senza dubbio il grande malato d’Europa. Sul suo futuro le previsioni di investitori, economisti e analisti finanziari si sprecano. In molti pensano che alla fine la valuta europea riuscirà a cavarsela e a risalire piano piano dai livelli correnti, mentre altri vedono all’orizzonte un tracollo del cambio euro/dollaro. All’inizio dell’anno il cambio euro/dollaro quotava poco sotto 1,30, ma nei mesi successivi era riuscito a salire fino a 1,3485.

Dal giorno in cui la BCE ha comunicato i risultati della seconda asta di rifinanziamento a lungo termine a tasso agevolato per le banche (LTRO), ovvero il 29 febbraio scorso, è iniziato il deprezzamento delle quotazioni che sono scese fino a 1,2162 lo scorso venerdì. Molti analisti valutari vedono nel livello di 1,20 la soglia psicologica in grado di decidere le sorti del cambio per i prossimi mesi.

Secondo Luca Mezzomo di Intesa SanPaolo, “in questo momento il cambio euro/dollaro non appare dominato dai fondamentali delle valute, ma dal timore di eventi traumatici legati al contagio della crisi del debito all’Italia e alla Spagna”. L’economista prevede una ripartenza del cambio entro il prossimo autunno, ipotizzando un approdo a 1,2650 prima e 1,30 poi.

Tuttavia, alcune banche d’affari hanno previsioni meno rosee sul cambio euro/dollaro. Alcune international banks del calibro di Ubs, Ing, Barclays e Credit Suisse ipotizzano una rottura della quota di 1,20. La stima sul cambio euro/dollaro è per un approdo sulla parità nel giro di tre o sei mesi. Jp Morgan, invece, ha un target di 1,22 a tre mesi e di 1,24 a 6 mesi, mentre per Goldman Sachs è probabile un ritorno in area 1,33.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>