Target Euro/Dollaro 2012 secondo banche d’affari

di ND82 Commenta

La view delle banche d’affari sul principale tasso di cambio, cioè euro/dollaro, non è uniforme anche se nella stragrande maggioranza dei casi c’è una maggiore propensione verso il biglietto verde

Il mercato internazionale delle valute è il più grande mercato al mondo, in grado di scambiare 4000 miliardi di dollari al giorno di cui soltanto mille miliardi sulla coppia euro/dollaro. Tuttavia si tratta probabilmente anche del mercato più difficile da prevedere, a causa delle numerose variabili in gioco (finanziarie, politiche, macroeconomiche) in grado di impattare continuamente sull’andamento dei vari cross valutari. Fare previsioni a 12 mesi o addirittura a 2-3 anni è un compito quasi impossibile, soprattutto considerando l’attuale struttura dei mercati finanziari.

Non a caso la view delle banche d’affari sul principale tasso di cambio, cioè euro/dollaro, non è uniforme anche se nella stragrande maggioranza dei casi c’è una maggiore propensione verso il biglietto verde. Secondo la svizzera Ubs, il cambio euro/dollaro dovrebbe quotare intorno a 1,25 nei prossimi tre mesi e a 1,15 entro un anno. Secondo la banca elvetica dovrebbe prevalere la maggiore forza dell’economia americana rispetto a quella europea, ma potrebbero farsi sentire anche gli effetti delle aste Ltro decise dalla Bce tra dicembre e fine febbraio scorso.

GRECIA FUORI DALL’EURO SE NON RISPETTA LE REGOLE SECONDO BARROSO

Secondo Barclays Capital, invece, la moneta unica europea si mantiene a galla grazie al migliore differenziale tra i tassi di interesse ma in futuro dovrebbe ancora risentire della crisi del debito sovrano dei paesi periferici. Il target della banca d’affari britannica per euro/dollaro è a 1,20. Secondo Carmignac il cambio euro/dollaro a 1,30 è “paradossale”, considerando l’attuale situazione economica del vecchio continente.

EURO VA SVALUTATO DEL 30% NEL 2012 SECONDO ROUBINI

Più sbilanciato a favore dell’euro è invece Goldman Sachs. La banca americana per euro/dollaro ha un target a un mese a 1,33, un target a sei mesi a 1,38 e addirittura a 1,45 come obiettivo a un anno. Secondo Goldman Sachs il dollaro soffrirà sempre più il peggioramento dei deficit “gemelli” (federale e delle partite correnti). Inoltre, secondo gli analisti della banca è molto probabile che ben presto possa arrivare il terzo round di quantitative easing della Fed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>