Previsioni su Euro/Dollaro per il 22 novembre 2011

di ND82 Commenta

Il cambio euro/dollaro è tornato sorprendentemente al di sopra di quota 1.35, nella parte alta del trading range sul grafico a 4 ore che ingabbia le quotazioni dallo scorso 16 novembre. I prezzi hanno trovato nuovamente supporto in area 1.3430

Il cambio euro/dollaro è tornato sorprendentemente al di sopra di quota 1.35, nella parte alta del trading range sul grafico a 4 ore che ingabbia le quotazioni dallo scorso 16 novembre. I prezzi hanno trovato nuovamente supporto in area 1.3430 senza effettuare alcun breakout ribassista dei minimi di periodo, che con tutta probabilità avrebbe velocemente portato le quotazioni fino in area 1.3360-50. La capacità dell’euro di restare a galla in una giornata decisamente negativa sui mercati finanziari, con crolli generalizzati delle borse mondiali (in particolare Piazza Affari -4,74%), fa presagire così scenari meno pessimistici per la valuta unica europea nel breve periodo.

Da un punto di vista tecnico, infatti, il breakout deciso di area 1.3550 potrebbe addirittura riportare le quotazioni in area 1.36 prima e 1.3630 poi per un consistente rimbalzo tecnico di brevissimo periodo. Ad ogni modo i venditori sono sempre dietro l’angolo, soprattutto in un contesto caratterizzato da un sentiment di mercato così negativo. L’eventuale perdita di momentum nella parte alta del trading range e/o un falso breakout della resistenza di 1.3550 consegnerebbe nuovamente lo scettro nelle mani dei venditori, che potrebbero spingere nuovamente al ribasso il cambio fino ai supporti di area 1.3430-20.

L’euro sta soffrendo molto la crisi del debito sovrano, senza contare le aspettative di un forte rallentamento economico per il prossimo anno. Tuttavia, dall’altra parte dell’oceano, gli Stati Uniti sembrano avere più o meno gli stessi problemi: domani, tra l’altro, scadrà il termine ultimo per trovare l’intesa sul piano di rientro del debito pubblico da 1200 miliardi di dollari in 10 anni. Al momento repubblicani e democratici non hanno raggiunto l’intesa, così le agenzie di rating Fitch e Moody’s sono già pronte ad allinearsi alla decisione di S&P, avvenuta lo scorso agosto, di abbassare il giudizio AAA sugli USA. Il dollaro americano potrebbe soffire e dare spazio per un po’ di tempo a un parziale recupero dell’euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>