Brasile alza i tassi all’8% per frenare l’inflazione

di ND82 Commenta

La Banca Centrale brasiliana ha alzato i tassi di interesse all’8%, motivando la propria decisione con la volontà di fermare la crescita dell’inflazione in una fase non particolarmente favorevole per l’economia carioca

brasile

La Banca Centrale brasiliana ha alzato i tassi di interesse all’8%, motivando la propria decisione con la volontà di fermare la crescita dell’inflazione in una fase non particolarmente favorevole per l’economia carioca. Il selic rate è stato così alzato a sorpresa di 50 punti base, dal 7,5% all’8%. Sul mercato internazionale delle valute il real brasiliano si conferma in un trend ribassista molto solido e ai minimi da circa 11 mesi sul dollaro americano. Il tasso di cambio Usd/Brl è salito fino a 2,11.

Negli ultimi trenta giorni la moneta brasiliana ha peerso circa il 4,5% sul biglietto verde. Alexandre Tombini, numero uno della Banca Centrale brasiliana, ha dichiarato che l’obiettivo è quello di tenere sotto controllo la crescita dei prezzi al consumo, per stabilizzare l’inflazione sia per quest’anno che per il 2014. A metà maggio l’indice Cpi armonizzato è salito dello 0,46% per una crescita a 12 mesi al 6,46%.

RAND SUDAFRICANO CROLLA SUI MINIMI DA OLTRE 4 ANNI

Si tratta di un livello appena inferiore al target di inflazione del 6,5%. Intanto l’economia brasiliana è in frenata, come dimostra l’andamento del pil nel primo trimestre: +0,6% su base trimestrale, mentre il mercato si aspettava almeno una crescita dello 0,9%. Dopo la crescita del 2,7% del 2011, l’economia è cresciuta solo dello 0,9% lo scorso anno. Il ministro delle Finanze brasiliano Guido Mantenga ha sottolineato che le stime di crescita saranno riviste al ribasso.

SU QUALI VALUTE EMERGENTI INVESTIRE NEL 2013

In precedenza la stima era per un pil a +3,5% su base annua, ma ora l’asticella dovrebbe scendere sotto il 2,5%. Alberto Ramos, economista di Goldman Sachs, ritiene che la crescita del pil inferiore alle attese probabilmente “scoraggerà la Banca centrale ad avviare un lungo e profondo ciclo di restringimento” della politica monetaria. Entro fine 2014 i tassi di interesse sono stimati in aumento fino all’8,5%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>