Cambio euro dollaro 26 ottobre 2011

di Stefania Russo Commenta

Nel corso della seduta asiatica l'euro ha guadagnato lo 0,4% nei confronti del dollaro tornando a trattare in area 1,39. L'andamento della...

Nel corso della seduta asiatica l’euro ha guadagnato lo 0,4% nei confronti del dollaro tornando a trattare in area 1,39. L’andamento della divisa europea nel corso dei prossimi giorni sarà tuttavia condizionato dall’esito del vertice europeo in programma per oggi e che si teme possa deludere le aspettative causando un nuovo crollo della valuta.

A preoccupare è soprattutto il disaccordo dei vari stati membri sulla possibilità di procedere ad un potenziamento del fondo salva Stati Efsf.

COSTI DEL FOREX

Nel corso delle ultime ore l’importanza e la necessità di tale misura è stata ulteriormente sottolineata dal presidente dell’Eurogruppo Jean Claude-Juncker, secondo cui rafforzare il fondo è l’unico modo per evitare il contagio a danno dell’Italia. Il piano per aumentare il fondo non prevede un aumento della quota da parte dei singoli Stati ma la creazione di un veicolo speciale d’investimento che emetterebbe debito e utilizzerebbe i profitti per acquistare sul mercato secondario bond dei paesi europei in stato di crisi oppure per concedere prestiti agli Stati a rischio.

GUADAGNARE CON IL FOREX

Nel corso delle ultime ore si è anche parlato della possibile partecipazione del Fondo monetario internazionale a tale progetto, che sarebbe aperto anche al capitale privato e ai fondi sovrani.

Intorno alle nove di questa mattina il cambio euro dollaro tratta a 1,3922, il cambio euro sterlina a 0,8687, il cambio euro yen a 105,694, il cambio euro franco svizzero a 1,2215, il cambio euro dollaro canadese a 1,4109 e il cambio euro dollaro australiano a 1,3415.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>