Cambio euro dollaro 28 giugno 2011

di Stefania Russo Commenta

L'euro si conferma debole nei confronti del dollaro sempre per via della crisi in Grecia. Ad influire sull'andamento della divisa europea...

L’euro si conferma debole nei confronti del dollaro sempre per via della crisi in Grecia. Ad influire sull’andamento della divisa europea è l’attesa per l’esito della votazione da parte del Parlamento, che tra domani e dopodomani si pronuncerà sul nuovo programma di correzione dei conti pubblici a cui l’Unione europea e il Fondo monetario internazionale hanno subordinato la concessione della prossima tranche di aiuti.

I timori sono quindi del tutto fondati in quanto se il parlamento di Atene non dovesse esprimere voto favorevole è probabile che la quinta tranche di aiuti verrebbe negata, circostanza che per la Grecia significherebbe un default certo.


Secondo parte degli analisti, tuttavia, il calo del dollaro nei confronti dell’euro è causato a monte dalla propensione degli investitori ad abbandonare forme di investimenti in euro e a ridurre quelli già presenti nel proprio portafoglio, in quanto convinti che i recenti accadimenti siano solo l’inizio di una crisi sistemica dell’Unione monetaria.

Intorno alle 8:30 di stamani il cambio euro dollaro tratta a 1,4271, il cambio euro sterlina a 0,8948, il cambio euro franco svizzero a 1,1916, il cambio euro yen a 115,33, il cambio euro dollaro canadese a 1,4081 e il cambio euro dollaro australiano a 1,3655.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>