Investire in Cina tramite azioni europee

di Stefania Russo Commenta

Sono sempre più numerosi i risparmiatori che decidono di investire in Cina, trattandosi della seconda economia mondiale...

PAKISTAN-ECONOMY-STOCK

Sono sempre più numerosi i risparmiatori che decidono di investire in Cina, trattandosi della seconda economia mondiale con una crescita del 7,8% registrata soltanto nel 2012.

Tuttavia, per puntare sull’elevato tasso di crescita della Cina non è necessario acquistare direttamente obbligazioni o azioni presenti sul mercato cinese, un modo alternativo per farlo è quello di investire in azioni europee facenti capo ad aziende che vantano un’ampia esposizione verso la Cina.


Al riguardo, gli esperti di Morgan Stanley hanno individuato i dieci titoli azionari europei maggiormente esposti verso la Cina, ovvero:

Antofagasta (rating underweight), che capitalizza 14 miliardi di dollari ed è esposto per il 41% del giro d’affari verso la Cina.

Aurubis (rating underweight), che capitalizza 2,73 miliardi di dollari e realizza il 41% del fatturato in Cina.

Boliden (rating equalweight), gruppo svedese che capitalizza 3,9 miliardi di dollari e realizza in Cina il 42% dei ricavi.

Diageo Semiconductor (rating equalweight), gruppo specializzato nell’information technology che capitalizza circa un miliardo di dollari e realizza in Cina il 78,8% del fatturato.

Eramel (rating underweight), che capitalizza 2,8 miliardi di dollari, con un’incidenza della Cina per il 41,7% sul fatturato totale.

Ferrexpo (rating equalweight), società inglese attiva nel settore dei materiali che capitalizza 1,7 miliardi di dollari e realizza in Cina oltre il 60% del suo fatturato.

Kazakhmys (rating underweight), società del settore dei materiali che capitalizza 2,69 miliardi di dollari e realizza il 41% del fatturato 2013 in Cina.

London Mining (rating overweight), che capitalizza 250 milioni di dollari e realizza in Cina il 61% dei ricavi.

Nyrstar Meno (rating overweight), che capitalizza un miliardo di dollari circa e ha un peso del 43% della Cina sul giro d’affari totale.

Rio Tinto (rating equalweight), che capitalizza 62,2 miliardi di dollari e fattura in Cina il 46,4% dei suoi ricavi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>