Attacco hacker ai computer del FMI

di Alessandro Mancuso Commenta

E' stato reso noto che il Fondo Monetario nel corso degli ultimi mesi è stato più volte oggetto di attacchi, e gli stessi tecnici informatici dell'Organizzazione li hanno

Gli hacker hanno violato il Fondo Monetario Internazionale. E’ il New York Times a rendere pubblica la notizia, confermata da David Hawley, un portavoce del Fondo stesso. Lo stesso funzionario ha comunque affermato che attualmente l’Organizzazione di Washington è operativa ed è stata aperta un’indagine per far luce sulla faccenda.



E’ stato reso noto che il Fondo Monetario nel corso degli ultimi mesi è stato più volte oggetto di attacchi, e gli stessi tecnici informatici dell’Organizzazione li hanno definiti “attacchi cibernetici estremamente sofisticati”. Solo mercoledì scorso il consiglio direttivo del Fondo è stato messo al corrente dell’accaduto.

Ricordiamo che il FMI ha la possibilità di accedere ad informazioni molto delicate, dal punto di vista economico, di moltissimi paesi: è al corrente di tutti i segreti economici dei 187 paesi membri, come ad esempio la loro effettiva condizione economica. Quindi stiamo parlando di materiale “top secret”.

Per precauzione è stato interrotto qualsiasi collegamento telematico con la Banca Mondiale, che ha sede proprio di fronte al FMI, a Washington.

Per ora non è stata rivelata alcuna indiscrezione in merito a chi possa esserci dietro questo attacco cibernetico. Si fanno solo ipotesi, è quella più accreditata attualmente, è l’installazione, da parte degli hacker, di un software per poter avere accesso ad informazioni su alcuni paesi, ed utilizzarle a proprio vantaggio.

Ricordiamo che è solo l’ultimo di una serie di attacchi da parte degli hacker: infatti recentemente sono stati violati i sistemi informatici di grandi colossi e gruppi finanziari, tra i quali la Sony, Google e Citygroup Inc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>