Corte Costituzionale tedesca approva fondo Esm

di ND82 Commenta

Come da attese, la Corte ha approvato la creazione dell’Esm, ovvero il nuovo meccanismo di stabilità europeo che servirà per evitare che gli spread sovrani possano nuovamente salire su livelli insostenibili

Meno di un’ora fa è arrivata la sentenza della Corte Costituzionale tedesca sulla legittimità del fondo salva-stati Esm e sul fiscal compact. L’attesa degli investitori è stata spasmodica, in quanto la decisione della Corte è considerata come una sorta di spartiacque per il futuro dell’euro e dell’Europa intera. Come da attese, la Corte ha approvato la creazione dell’Esm, ovvero il nuovo meccanismo di stabilità europeo che servirà per evitare che gli spread sovrani possano nuovamente salire su livelli insostenibili.

Il verdetto è arrivato alle ore 10.14 e ha creato un brusco incremento della volatilità sui mercati finanziari. Le borse hanno accelerato al rialzo dopo aver appreso l’esito positivo della sentenza, mentre sul mercato delle valute si è assistito a oscillazioni violenti sulla maggior parte dei tassi di cambio. In particolare il cambio euro/dollaro è sceso prima a 1,2815 e poi è risalito velocemente fino a superare quota 1,29.

Il via libera della Corte Costituzionale tedesca è comunque un sì condizionato. I giudici tedeschi hanno posto la condizione che il contributo della Germania sia llimitato a 190 miliardi di euro senza il via libera del Parlamento (Bundestag). La somma è identica alla quota di capitale dell’Esm sottoscritta dalla Germania, pari al 27,1464% del totale e a 1.900.248 azioni.

La Corte tedesca ha respinto il ricorso d’urgenza presentato dall’esponente della Csu Peter Gauweiler. Ora il presidente della Repubblica tedesca, Joachim Gauck, potrà firmare le leggi di ratifica dell’sm e del fiscal compact. Alla luce del verdetto della Corte, sono attesi nuovi importanti rialzi nel corso della giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>