Islanda rifiuta il finanziamento di Olanda e Gran Bretagna

di Francesco Di Cataldo Commenta

La crisi economica/finanziaria che ha coinvolto il Mondo e l’Europa nel 2008 ha reso più vulnerabili alcuni stati dotati di un sistema finanziario debole come ad esempio Grecia, Spagna e Portogallo. Anche l’Islanda come sappiamo negli ultimi 12 mesi ha subito forti scossoni e la sua situazione finanziaria è alquanto critica tanto da aver chiesto aiuti all’Europa.

Nel corso dei mesi però l’opinione nei confronti di finanziamenti da parte di alcuni stati è stata via via declassata al punto che il presidente islandese Olafur Grimsson ha deciso di rifiutare il finanziamento di 5 miliardi di euro che gli avevano proposto Olanda e Gran Bretagna in cordata.



Secondo il presidente, infatti, l’idea di un finanziamento così corposo potrebbe portare a degli squilibri all’interno del paese al punto che la popolazione ha manifestato in più occasioni la volontà di recedere dalla richiesta di aiuti. Secondo gli ultimi dati 42 mila islandesi su un totale di 318 mila abitanti si è detta contraria agli aiuti esterni ed è probabile a questo punto che il premier indica un referendum popolare. In ogni caso l’Islanda, in crisi dopo il crack di Landsbanki avvenuto nel 2008, ha fatto sapere di voler ripianare al debito solamente con le proprie forze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>