JP Morgan Conti primo trimestre 2010

di Millocca Manuel Commenta

Oggi ,dopo la pubblicazione dei conti Intel avvenuta ieri, tocca JP Morgan mostrare la propria situazione economica..

Oggi ,dopo la pubblicazione dei conti Intel avvenuta ieri, tocca JP Morgan mostrare la propria situazione economica risalente al primo trimestre 2010.
Oggi i conti indicano che la banca JP Morgan chiude il primo trimestre 2010 con un utile pari a 3,3 miliardi di dollari in rialzo di circa 1,2 miliardi rispetto agli utili dello stesso periodo ma dell’anno precedente.

JP Morgan ha avuto ricavi per 28,2 Miliardi di Euro in netto aumento rispetto all’anno precedente, il bilancio della società rimane stabile , con un coefficiente di capitale al 15,13%.



Secondo i dati degli analisti i risultati che la banca doveva effettuare all’inizio del 2010 dovevano essere drasticamente più bassi.
L’aumento dei risultati economici può derivare dalla diminuzione, da parte della banca JP Morgan degli accantonamenti, questi analisti prevedevano ricavi per 26,47 Miliardi di Dollari ben 2 in meno rispetto a quelli ottenuti.

Gli accantonamenti di JP Morgan sono passati dai dai 10,06 Miliardi di dollari ai 7,6 Miliardi di dollari una diminuzione di circa 3 miliardi di dollari, sufficiente a far cambiare idea agli analisti.
In diminuzione del 25% gli accantonamenti dovuti alle carte di credito.

Oggi il titolo in preapertura a Wall Street fa segnare un notevole incremento di 3 punti percentuale circa, come è avvenuto in Germania, il dato che è stato più incoraggiante per gli investitori è quello degli accantonamenti con un costo diminuito di circa il 20% in tutti i settori.

JP Morgan ha adottato un approccio conservativo per costruire una roccaforte nel bilancio e ogni segnale di diminuzione di accantonamenti è un segnale positivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>