Previsioni recessione economica secondo Goldman Sachs

di Stefania Russo 1

In tema di crescita sia a livello globale che in riferimento al solo continente europeo, gli analisti di Goldman Sachs hanno tagliato le loro precedenti...

Gli analisti di Goldman Sachs hanno tagliato le loro precedenti previsioni sia in relazione alla crescita a livello globale che in riferimento al solo continente europeo. Per quanto riguarda la crescita mondiale nel 2012, in particolare, gli analisti della banca statunitense hanno abbassato le stime portandole al 3,5% dal precedente 4,2%.

La revisione delle stime è stata causata in larga parte dai problemi in cui versa l’Europa, che sta attraversando una seria crisi a causa del debito di alcuni paesi della zona euro e che potrebbe peggiorare per via dell’elevato rischio contagio a danno di altri Stati.

TAGLIO TASSI DI INTERESSE BCE AD OTTOBRE 2011?

Per quanto riguarda l’Europa, in particolare, Goldman Sachs ha fatto sapere di attendere un Pil allo 0,1% nel 2012 contro la precedente stima dell’1,2%, un taglio attuato a fronte delle conseguenze della leggera recessione che secondo le previsioni si verificherà tra il quarto trimestre del 2011 e il primo trimestre del 2012. Più nel dettaglio, per l’Italia si prevede nel 2012 una flessione dello 0,4%, così come pure per la Spagna, mentre la Francia dovrebbe mettere a segno un +0,2% e la Germania dovrebbe registrare una crescita dello 0,6%.

TASSI DI INTERESSE INVARIATI AD OTTOBRE 2011 SECONDO ING

La difficile situazione economica avrà inoltre delle ripercussioni sui profitti, in particolare la banca USA ha tagliato la crescita degli utili 2012 portandola al 10%, in particolare per i titoli non finanziari il broker prevede una crescita delle vendite del 2%, una contrazione dei margini di 90 punti base e un rapporto prezzo/utile per azione pari a 10,5 volte.

Sul fronte dei tassi di interesse, gli analisti di Goldman Sachs ritengono che la Banca centrale europea effettuerà un taglio di mezzo punto percentuale entro dicembre 2011, portando quindi i tassi di interesse all’1% dall’attuale 1,5%.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>