Trimestrale Home Depot aprile giugno 2010

di Alessandro Bombardieri Commenta

I ricavi del gruppo americano sono stati di 19,4 miliardi di dollari, in aumento dell'1,8%.

Home Depot, società impegnata nella vendita al dettaglio di prodotti per la casa, secondo più grande distributore degli States, dietro solo a Wal-Mart, ha presentato i conti del secondo trimestre fiscale dell’anno, che è terminato alla fine di luglio.

I ricavi del gruppo americano sono stati di 19,4 miliardi di dollari, in aumento dell’1,8%, mentre l’utile netto è cresciuto del 7% a quota 1,2 miliardi di dollari, vale a dire un aumento di 72 centesimi di dollaro per azione.

Le previsioni degli analisti erano abbastanza precise, con 19,59 miliardi di dollari di ricavi ed utile pari a 71 centesimi per azione.

Nei centri aperti da almeno un anno, i più importanti per ogni società, le vendite di articoli per il bricolage hanno fatto segnare un aumento solo dell’1,7%, e forse anche per questo dato Home Depot ha cambiato le stime per l’intero esercizio 2010.

La crescita dei ricavi per l’anno in corso è ora prevista al 2,6%, mentre l’utile per azione è previsto a 1,90 dollari per azione. Le precedenti previsioni per il 2010 parlavano di ricavi in crescita del 3,5% e utile per azione di 1,88 dollari.

Le previsioni degli esperti delle banche d’affari erano invece di 1,89 dollari per azione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>