Cdp aumenta piano EMTN a 8 miliardi

di ND82 Commenta

Cassa Depositi e Prestiti ha deciso di aumentare l’importo complessivo massimo del programma Euro Medium Term Notes (EMTN), raddoppiando la potenza di fuoco a supporto dell’attività di finanziamento di progetti infrastrutturali a 8 miliardi di euro da 4 miliardi

Cassa Depositi e Prestiti ha deciso di aumentare l’importo complessivo massimo del programma Euro Medium Term Notes (EMTN), raddoppiando la potenza di fuoco a supporto dell’attività di finanziamento di progetti infrastrutturali a 8 miliardi di euro da 4 miliardi. E’ stato deciso ieri nel consiglio d’amministrazione del fondo mobiliare presieduto dal presidente Franco Bassanini. Il programma EMTN è nato nel 2005 e ha consentito a Cdp di fare ricorso allo strumento delle obbligazioni, non garantite dallo stato e collocate presso investitori istituzionali, per finanziamenti a privati di progetti che non possono essere sostenuti dal risparmio postale.

Dal 2009 EMTN è utilizzabile anche per supportare società private per investimenti promossi dal settore pubblico e di interesse pubblico. Il cda di Cdp ha autorizzato anche l’emissione di nuovi titoli per un ammontare pari a 3 miliardi di euro, da effettuare entro il 31 dicembre 2013. Cdp ha spiegato che questa decisione è stata presa per venire incontro alle nuove esigenze dal lato degli impieghi.

SARAS PREVEDE EBITDA 2012 A 400 MILIONI

Infatti, l’importo nominale totale dei titoli emessi finora ammonta a 3,7 miliardi di euro per cui prima della decisione di ieri c’era la possibilità di far leva solo su altri 300 milioni considerando il tetto massimo fissato a 4 miliardi. Ora Cdp potrà contare su nuove importi risorse da utilizzare per il finanziamento di progetti legati al settore delle infrastrutture.

CDP VUOLE RACCOGLIERE CAPITALI DAI FONDI SOVRANI

Ieri il cda di Cdp ha anche approvato un miliardo di euro di nuovi finanziamenti: 424 milioni destinati ai trasporti, 400 milioni per una società che opera nel settore delle reti per l’energia e 270 milioni per un’operazione di Export Banca per sostenere l’export italiano, in collaborazione con Sace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>