Dividendo Hera 2012 invariato rispetto allo scorso anno

di Stefania Russo Commenta

Il presidente di Hera, Tomaso Tommasi di Vignano, nel corso di un suo intervento al margine del convegno di Accenture sulle utility...

Il presidente di Hera, Tomaso Tommasi di Vignano, nel corso di un suo intervento al margine del convegno di Accenture sulle utility, ha fornito importanti anticipazioni in merito al dividendo che sarà distribuito agli azionisti nel corso della prima parte del 2012 in relazione all’esercizio 2011.

Il numero uno del gruppo bolognese, infatti, ha fatto sapere che la proposta è quella di distribuire una cedola invariata rispetto allo scorso anno, pari quindi a 0,09 euro per azione, aggiungendo inoltre di essere soddisfatto per come la società si appresta a chiudere il 2011, anno durante il quale è stata registrata una crescita in linea con quella registrata negli anni scorsi e con le aspettative nonostante il difficile contesto economico e finanziario.

TUTTI I DIVIDENDI 2012 BORSA ITALIANA

Il presidente di Hera ha inoltre annunciato che il gruppo ha intenzione di realizzare acquisizioni importanti entro breve dopo quelle annunciate di recente nel settore delle rinnovabili, confermando quindi il progetto di crescita attraverso linee esterne.

AZIONI SU CUI INVESTIRE NEL 2012 SECONDO BANCA IMI

Tomaso Tommasi di Vignano ha inoltre definito Edipower una bella operazione, soprattutto perché è italiana e perché rappresenta un modo intelligente per fare consolidamento. Nei giorni scorsi, ricordiamo, A2A e Iren hanno siglato l’atto definitivo in forza del quale tutta Edipower (società che controlla nove centrali) risulta in mani italiane, tuttavia i sindaci di alcuni comuni azionisti delle utility hanno proposto di fare confluire tutti gli asset di generazione di energia creando una sorta di super Edipower aperta anche ad altri soggetti, tra cui figura anche Hera. A riguardo il presidente del gruppo bolognese ha affermato che con ogni probabilità, anche se dovesse entrare anche la società da lui guidata, il peso del progetto non cambierebbe alla luce della modesta presenza di Hera nel settore della generazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>