Giudizio analisti titolo Credem

di Stefania Russo Commenta

I punti di forza del Gruppo Credem sono senza dubbio la solidità patrimoniale, la qualità del credito, l'efficienza...

I punti di forza del Gruppo Credem sono senza dubbio la solidità patrimoniale, la qualità del credito, l’efficienza e il costante lavoro di contenimento dei costi, gli stessi che hanno spinto diversi analisti a consigliare agli investitori l’acquisto delle azioni Credem.

Più nel dettaglio, tra gli analisti che hanno rating “buy” sul titolo figurano quelli di Equita, che considerano Credem una tra le banche italiane più solide e con la migliore qualità dell’attivo, fattori che la rendono capace di aumentare la sua quota di mercato senza che ne risenta la qualità del credito e la redditività.

MIGLIORI DIVIDEND YIELD 2013

Rating “buy” è espresso anche dagli analisti Centrobanca, secondo cui i punti di forza sopra citati consentiranno a Credem di realizzare una crescita superiore rispetto a quella dei suoi competitor. Stesso giudizio è espresso anche da Fidentis, che definisce Credem la migliore banca da detenere in portafoglio.

PREVISIONI CREDEM ESERCIZIO 2012

Gli esperti di Mediobanca hanno invece espresso giudizio “outperform”, in quanto ritengono che sia l’unica banca italiana già posizionata sulla crescita, con un portafoglio crediti tra i migliori e una solida struttura patrimoniale.

Banca Akros ha invece confermato rating “accumulate”, in quanto ritengono che Credem dovrebbe riuscire ad uscire dalla recessione prima degli altri competitor grazie alla sua solidità patrimoniale e alla migliore qualità del credito, mentre gli esperti di Deutsche Bank mantengono rating “hold” in quanto temono che la recessione in atto potrebbe limitare la profittabilità, pur considerando Credem una tra le banche meglio posizionate in termini di patrimonio e redditività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>