Prelios possibile aumento di capitale

di Stefania Russo Commenta

A Piazza Affari il titolo Prelios in questi giorni è al centro dell'attenzione per via di alcune indiscrezioni di stampa...

A Piazza Affari il titolo Prelios in questi giorni è al centro dell’attenzione per via di alcune indiscrezioni di stampa in merito all’interessamento manifestato da alcune società.

Oltre alla tedesca Bilfinger Berger, che ricordiamo ha manifestato un certo interesse per la piattaforma tedesca e le attività italiane, e il gruppo tedesco ECE, che invece si è mostrato interessato solo alla piattaforma tedesca, nel corso degli ultimi giorni si sarebbero mostrati disponibili ad una trattativa anche il fondo americano Fortress e una cordata nella quale sarebbe presente la famiglia Merloni.


Nonostante l’interessamento mostrato su più fronti, gli analisti continuano a pensare che un accordo con una di queste società potrebbe accelerare il risanamento del gruppo ma non risolverebbe i suoi problemi. Il principale problema di Prelios, infatti, consiste nella difficoltà a ridurre il debito per via del difficile contesto macroeconomico che rende alquanto complicata la cessione di asset. Inoltre, nel caso in cui la società non dovesse riuscire a cedere asset, è probabile che la situazione peggiorerà ulteriormente a fronte dell’elevato costo del debito.

Per tale motivo, dunque, secondo gli analisti non è da escludere la possibilità che la società decida di ricorrere ad un aumento di capitale. Per questo motivo gli esperti di Banca Akros hanno ridotto il target price da 0,22 euro a 0,15 euro e hanno abbassato la raccomandazione sul titolo da “accumulate” a “hold”.

A Piazza Affari il titolo Prelios segna nel primo pomeriggio un leggero rialzo, nonostante l’andamento al ribasso dei principali indici azionari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>