Seat Pagine Gialle nessun obbligo di Opa da parte degli obbligazionisti

di Stefania Russo Commenta

Attraverso apposito comunicato stampa, Seat Pagine Gialle ha informato in merito alla conferma arrivata dalla Consob riguardo...

Attraverso apposito comunicato stampa, Seat Pagine Gialle ha informato in merito alla conferma arrivata dalla Consob riguardo all’esenzione dall’obbligo di offerta pubblica di acquisto sulle azioni Seat da parte degli obbligazionisti Lighthouse, a fronte di un quesito formulato dagli advisor di un comitato costituito da una rappresentanza degli obbligazionisti Lighthouse.

La società quotata a Piazza Affari ha inoltre comunicato di essere stata informata da Lighthouse International Company di aver ricevuto consensi da parte dei titolari delle obbligazioni denominate “1,300,000,000 8% Senior Notes due 2014” pari al 91,83% dell’ammontare complessivo delle obbligazioni Lighthouse.


Si tratta quindi di una percentuale di consensi sufficiente ad apportare le modifiche ai termini e alle condizioni delle obbligazioni Lighthouse secondo le modalità previste dalla procedura avviata da Lighthouse. Pertanto, ai termini e alle condizioni contrattuali già stabilite e salvo il verificarsi delle condizioni sospensive già poste, le obbligazioni convertibili emesse da Lighthouse saranno convertite in azioni Lighthouse.

Inoltre, successivamente alla fusione per incorporazione di Lighthouse in Seat, le obbligazioni suscettibili di scambio saranno sostituite con nuove obbligazioni che saranno emesse dalla società ai sensi del regolamento del prestito obbligazionario non convertibile denominato “Euro 550,000,000 10½ Senior Secured Notes due 2017”.

A Piazza Affari il titolo Seat Pagine Gialle dopo la diffusione del comunicato segna un rialzo di oltre due punti e mezzo percentuali a 0,0316 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>