Tagliato prezzo azioni Enel Green Power

di Stefania Russo Commenta

Nell'ultimo giorno disponibile per l'acquisto delle azioni Enel Green Power, il colosso energetico italiano ha deciso di abbassare il prezzo..

Nell’ultimo giorno disponibile per l’acquisto delle azioniEnel Green Power, il colosso energetico italiano ha deciso di abbassare il prezzo portandolo ad una forchetta compresa tra 1,6 e i 2,1 euro dalla precedente di 1,8 e 2,1 euro, che a sua volta era già stata ridimensionata rispetto ai valori proposti per il premarketing, compresi tra 1,9 e 2,4 euro.

Secondo alcune indiscrezioni di stampa il prezzo è stato abbassato per consentire alle banche facenti parte del consorzio di riuscire a sottoscrive la parte rimasta scoperta senza troppi problemi, nonostante proprio ieri, nel corso del suo intervento nell’ambito della 86° Giornata mondiale del risparmio, il presidente di Enel, Piero Gnudi, si era detto certo che non sarebbe stato necessario l’intervento del consorzio di garanzia.


Lo stesso Gnudi ha motivato la decisione di abbassare il prezzo spiegando che “la forchetta è stata rivista per avere un miglior mix tra investitori retail e investitori istituzionali“.

Il nuovo prezzo, tuttavia, cambia di poco i requisiti per l’investimento minimo. Il numero minimo di azioni sottoscrivibili, infatti, è sempre 2.000, per cui l’investimento minimo parte da 3.200 euro contro i 3.600 euro fissati dal prezzo di collocamento iniziale.

Quel che è certo è che l’andamento del collocamento ha senza dubbio deluso le aspettative, nessuno si aspettava che a due giorni dalla scadenza fosse stato sottoscritto soltanto l’80% delle azioni, soprattutto in considerazione del fatto che l’Ipo Enel Green Power è considerata l’Ipo più importante dell’anno per Piazza Affari e una delle principali in tutta Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>