Titoli azionari che non soffrono la crisi

di Stefania Russo Commenta

Nonostante la grave crisi che ha provocato una forte instabilità dei mercati finanziari, alcune aziende italiane..

Nonostante la grave crisi che ha provocato una forte instabilità dei mercati finanziari, alcune aziende italiane quotate a Piazza Affari continuano a registrare una considerevole crescita degli utili e dei ricavi.

Tuttavia, molte tra le aziende che nel corso degli ultimi mesi hanno registrato delle buone performance risultano sottovalutate, circostanza che secondo gli esperti le trasforma in un’ottima opportunità di investimento.

TITOLI AZIONARI AD ALTO RENDIMENTO FINE 2011

Puntando su aziende di questo tipo, dunque, è possibile comprare a saldo delle azioni che vantano un ampio potenziale. Tra queste aziende figura senza dubbio Pirelli, che nonostante le difficoltà registrate dal mercato dell’auto continua a mettere a segno tassi di crescita a doppia cifra, presentando al contempo un convincente piano di investimenti riguardante soprattutto i paesi emergenti e predisponendo un piano di emergenza che prevede sostanzialmente una dilazione degli investimenti al fine di ampliare la capacità produttiva. Nonostante questo attualmente il titolo Pirelli tratta con un forte sconto rispetto ai livelli di luglio.

TITOLI AZIONARI CAPACI DI RESISTERE ALLA RECESSIONE ECONOMICA

Analogo discorso vale anche per Brembo, il cui titolo ha registrato un forte calo rispetto ai livelli di inizio anno, nonostante la società risulti poco esposta alle difficoltà derivanti dall’attuale contesto macroeconomico in Italia, non solo perché opera in un segmento di nicchia ma anche perchè vanta un basso livello di indebitamento.

Autogrill, invece, ha dalla sua un’ampia diversificazione a livello geografico che le ha consentito di continuare a mantenere degli elevati livelli di business, senza contare che gestendo lo scalo londinese di Heath-row dovrebbe beneficare anche delle Olimpiadi 2012. Completano l’elenco i titoli Luxottica e Tod’s, che allo stesso modo, secondo gli esperti, sono attualmente sottovalutati dal mercato senza ragioni fondate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>