Quotazione oro record a 1.579 dollari l’oncia

di Verna Vito 1

le eccessive quotazioni dell'oro spaventano per il rischio di una probabile bolla speculativa.

Le quotazioni dell’oro presso tutti i principali mercati europei e mondiali continuano inesorabilmente a crescere, nonostante il rafforzamento del dollaro sulle concorrenti (euro, sterlina, franco e yen in primis) inducano a pensare il contrario.

Se ieri, infatti presso il LSE (London Stock Exchange) l’oro raggiungeva 1.579 dollari l’oncia, oggi, all’apertura del NYSE (New york Stock Exchange) saliva a quota 1.579,70 dollari l’oncia.

Un aumento considerevole, dunque, che, soltanto nell’ultima settimana, è stata del 10%.


Il movimento rialzista, però, è destinato a restar tale per altri 10 anni, e c’è chi afferma, tra i più estrosi analisti, che entro fine anno le quotazioni potrebbero raddoppiare, segnando aumenti compresi tra i 1.500 e i 1.600 dollari l’oncia.

Il legittimo spauracchio di una probabile bolla speculativa, comunque, è stato liquidato in fretta dalla maggior parte dei tecnici i quali affermano come non vi siano i presupposti per il ripresentarsi, nel breve periodo, delle condizioni che causarono l’ultima bolla dell’oro del 1979 (quando vi fu una quadruplicazione delle quotazioni).

Piuttosto, assicurano gli esperti, possiamo notare come i maggiori mercati stiano lanciando segnali confortanti in questo senso (numerosi e consistenti acquisti di lingotti da parte di alcune banche centrali e delle medie borghesie cinesi e indiane, intenzionate a conquistare valori e status sociale).

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>