Analisi Valute & Commodity del 16 novembre 2011

di ND82 Commenta

seduta molto volatile per il cambio euro/dollaro che stamattina è riuscito, come da previsioni, a rimbalzare dai minimi intraday di 1.3428 fino a sopra 1.3550; successivamente da questi livelli i prezzi hanno nuovamente innescato la retromarcia, scendendo fino a poco sopra 1.3450

Euro/Dollaro: seduta molto volatile per il cambio euro/dollaro che stamattina è riuscito, come da previsioni, a rimbalzare dai minimi intraday di 1.3428 fino a sopra 1.3550; successivamente da questi livelli i prezzi hanno nuovamente innescato la retromarcia, scendendo fino a poco sopra 1.3450.

Il destino di brevissimo periodo del cambio sembra così legato all’andamento del sentiment di mercato, in particolare all’altalena degli spread dei titoli di stato europei.

L’obiettivo a tre giorni resta a 1.3360-50, anche se sarà necessario un breakout ribassista deciso di 1.3430 e un drastico aumento generalizzato dell’avversione per il rischio. La volatilità potrebbe aumentare nel pomeriggio a seguito della diffusione di alcuni importanti market mover americani (come l’inflazione, i TIC e l’indice NAHB immobiliare).

Oro: nonostante la forza del dollaro americano, l’oro mantiene un’impostazione tecnica di breve periodo orientata verso l’alto. Attualmente i prezzi si stanno muovendo in trading range, ma hanno dimostrato più volte di riuscire a tenere i supporti di brevissimo periodo di 1760$ l’oncia. Attualmente i prezzi si muovono poco al di sotto di quota 1780$/oz e soltanto in caso di breakout deciso di 1785$/oz potrebbero allungare fino a 1795$ – 1800$ l’oncia. Il mantenimento del quadro tecnico rialzista è subordinato alla tenuta del micro-supporto di 1770$/oz: in caso di perdita di questi livelli, si andrebbe dritti almeno fino al test di 1760$/oz.

Petrolio: le quotazioni del greggio americano restano sopra i 99$ con una buona intonazione, che fa presagire da un momento all’altro il breakout della resistenza di breve periodo posta a 99.8$ al barile. In caso di breakout di questi livelli i prezzi dovrebbero spingersi velocemente verso la soglia psicologica di 100$/bl e quasi certamente allungare ancora al rialzo con un target a 2-3 giorni posto in area 101.7$ – 102$ al barile. Sarà fondamentale, però, la tenuta di area 98.5$/bl, in modo tale da non deteriorare eccessivamente il quadro bullish in caso di improvvise correzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>