Oro può tornare a 1800$ nel 2012 secondo analisti finanziari

di ND82 Commenta

A partire da maggio il prezzo dell’oro sul Comex è passato da 1670 a 1527 dollari l’oncia, in concomitanza con il forte apprezzamento del dollaro americano nei confronti dell’euro

A partire da maggio il prezzo dell’oro sul Comex è passato da 1670 a 1527 dollari l’oncia, in concomitanza con il forte apprezzamento del dollaro americano nei confronti dell’euro. La correlazione tra l’andamento di euro/dollaro e quello dell’oro sembra davvero forte: quanto più euro/dollaro scende, tanto più anche l’oro risponde con decisi deprezzamenti. La maggior parte degli analisti finanziari è prudente sul metallo giallo nel breve termine, ma l’idea condivisa dagli esperti è quella di un ritorno di fiamma sul lingotto nel giro di qualche mese.

Secondo Andrea Gentilini, senior portfolio manager di Union Bancaire Privee (UBP), la correzione delle ultime settimane “è legata alla forza del dollaro”. Tuttavia, l’esperto ritiene che questa forza è destinata a svanire nei prossimi mesi, visto che a dicembre negli Stati Uniti bisognerà nuovamente fare i conti con il tetto del debito. Secondo Gentilini, l’oro può oscillare tra 1800$ e 2000$ l’oncia nel medio periodo, “mentre per il brevissimo termine il prezzo potrebbe fissarsi intorno a 1530$.

PREVISIONI PREZZO ORO SECONDA PARTE 2012 SECONDO GOLDMAN SACHS

Il money manager di UBP evidenzia anche che il metallo giallo resta “l’unica moneta che non si svaluta”. Secondo gli analisti di Morgan Stanley il deprezzamento dell’oro è soltanto momentaneo. La banca americana ritiene che le quotazioni torneranno in area 1800$. Secondo Morgan Stanley la svalutazione attuale deriva da massicce scommesse speculative ribassiste, ma gli acquisti di oro fisico non si sono affatto fermati.

INVESTIRE IN ORO FISICO

Nel primo trimestre del 2012 la domanda mondiale di oro è scesa del 5% rispetto allo stesso periodo del 2011. Da un punto di vista tecnico il recente rimbalzo delle quotazioni (fino a 1599$) potrebbe essere finito, come dimostrato dal vistoso calo odierno. Nei prossimi giorni i prezzi potrebbero tornare a ritestare il supporto di area 1530$ l’oncia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>