Mutuo importo finanziabile scende al 60% nel 2013

di Stefania Russo Commenta

Durante lo scorso anno, secondo i dati dell'Agenzia delle Entrate, è stata registrata una flessione del 38,6% delle abitazioni acquistate mediante il ricorso ad un mutuo...

500_casa

Durante lo scorso anno, secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate, è stata registrata una flessione del 38,6% delle abitazioni acquistate mediante il ricorso ad un mutuo, mentre se si osserva il dato riguardante il numero di abitazioni acquistate in contanti la diminuzione è stata del 15,2%.

I dati indicano quindi una indubbia congiuntura del mercato immobiliare, dovuta però in larga parte alla stretta sui finanziamenti ipotecari.


Il problema principale deriva dall’adozione di criteri di valutazione decisamente più severi per la concessione di un mutuo, sia quello reddituale (dato dal rapporto tra la rata e i proventi del debitore) che quello patrimoniale (dato dal rapporto tra la somma erogata e il valore dell’immobile dato in garanzia). I redditi dei soggetti richiedenti, inoltre, devono derivare da lavoro dipendente a tempo indeterminato presso un’azienda in buona salute economica o da attività professionale consolidata da anni. Inoltre molto spesso vengono chieste garanzie supplementari, come ad esempio la sottoscizione di un contratto di assicurazione che copra l’eventuale mancato pagamento delle rate da parte del soggetto a cui viene concesso il mutuo.

Nel corso degli ultimi anni è inoltre progressivamente calata anche la percentuale del valore dell’immobile acquistato che la banca è disposta a finanziare. Questo significa quindi che anche chi ha un buon posto di lavoro per poter acquistare una casa accendendo un mutuo deve già disporre di una cospicua somma di denaro. In particolare, secondo le rilevazioni di CorrierEconomia, nel 2005 con un buon posto di lavoro era possibile ottenere con discreta facilità l’80% del valore della casa, mentre oggi difficilmente si riesce ad ottenere più del 60% del valore dell’immobile.

Come se non bastasse, gli spread applicati oggi ai mutui sono tra il 3 e il 3,5%, in media un punto e mezzo in più rispetto a quelli di due anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>