Analisi Forex 14 luglio 2011

di Verna Vito Commenta

I mercati sono molto instabili e la speculazione viaggia veloce. Nel frattempo l'euro continua a guadagnare terreno sul dollaro.

La situazione internazionale di queste ultime ore, complice l’interessamento delle agenzie di rating che stanno bacchettando a desta e manca, preoccupate dall’entità dei debiti sovrani di numerosi paesi (Fitch ha abbassato il rating a CCC, il più basso possibile, mentre Moody’s sta ventilando l’ipotesi di un downgrade nei confronti della solidità USA dall’attuale Aaa) e realmente complessa ed instabile, fortissimamente speculativa.



Ciò che preoccupa, in attesa di un QE3 da parte di Benmarker, è l’aumento della speculazione fra i tassi d’interesse europeo e statunitense, i primi votati all’aumento, i secondi continuamente in ribasso nel tentativo disperato di rilanciare l’economia.

Piazza Affari, proprio per questa eccessiva speculazione ha chiuso in rialzo dell’1,55% mentre Unicredit si è confermato uno dei titoli bancari più solidi sopra l’1%.

CAMBIO EURO DOLLARO 13 LUGLIO 2011

In apertura il cambio EUR/USD è salito sino a 1,4281, sintomo che la caduta di ieri si è arrestata non sotto quota 1,3837.

Il prossimo target price, fissato oltre quota 1,4000 a 1,4500, sarà raggiunto entro 2 giorni.

Prima forte resistenza si incontrerà a 1,4330.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>