Cambio euro dollaro 24 maggio 2011

di Stefania Russo Commenta

Il timore di un ulteriore peggioramento della situazione debitoria di alcuni paesi europei sta influenzando gravemente l'andamento dell'euro..

Il timore di un ulteriore peggioramento della situazione debitoria di alcuni paesi europei sta influenzando gravemente l’andamento dell’euro nei confronti del dollaro e delle altre valute di riferimento.

Quello che si teme, infatti, è un nuovo effetto contagio che potrebbe andare a colpire paesi periferici di dimensioni importanti, tra cui figura in prima linea la Spagna dopo che il governo ha subito nelle scorse settimane una grave sconfitta a seguito delle elezioni amministrative.


A causare non poca preoccupazione è anche il downgrade arrivato da Standard e Poor’s a danno dell’Italia. L’agenzia di rating, ricordiamo, dopo aver portato da stabile a negativo l’outlook sul rating italiano, si è detta certa che il Bel Paese presto si troverà costretto a chiedere un sostegno alla comunità finanziaria internazionale per via delle dimensioni consistenti del suo debito.

Se i timori dovesse rivelarsi fondati, dunque, la situazione peggiorerebbe inevitabilmente. Spagna e Italia, infatti, sono due paesi di dimensioni piuttosto grandi, per cui appare evidente che la comunità finanziaria internazionale non dispone di fondi sufficienti per salvarli entrambi.

Poco dopo le 9:00 il cambio euro dollaro si attesta a 1,4073, il cambio euro sterlina a 0,8732, il cambio euro yen a 114,96, il cambio euro franco svizzero a 1,2412, il cambio euro dollaro canadese a 1,3734 e il cambio euro dollaro australiano a 1,3332.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>