Cambio euro/dollaro crolla a 1,2750 sui minimi a 4 mesi

di ND82 Commenta

Non si ferma la discesa del tasso di cambio euro/dollaro, che sul mercato internazionale delle valute estere ha evidenziato un nuovo deciso calo fino a 1,2750. I prezzi hanno così aggiornato i minimi più bassi degli ultimi 4 mesi

Non si ferma la discesa del tasso di cambio euro/dollaro, che sul mercato internazionale delle valute estere ha evidenziato un nuovo deciso calo fino a 1,2750. I prezzi hanno così aggiornato i minimi più bassi degli ultimi 4 mesi e ora potrebbero approfondire ulteriormente fino a spingersi in area 1,2660, area di supporto giornaliera molto importante per il trend di medio-lungo periodo. A decretare la nuova flessione del cambio è stato il clima di forte negatività presente sui mercati europei.

In particolare c’è molta tensione per la situazione di Cipro, visto che oggi riaprono le banche e si teme una corsa agli sportelli con panico tra la gente. Per evitare la fuga dei capitali dall’isola il governo cipriota adotterà inizialmente dei provvedimenti volti a controllare i flussi di capitali e le operazioni bancarie. Il prelievo agli sprotelli bancomat sarà possibile, ma solo fino a 300 euro al giorno.

BLACKROCK VEDE EURO/DOLLARO A 1,20 ENTRO FINE 2013

Sui mercati c’è grande tensione anche per la possibilità che l’agenzia di rating Moody’s possa tagliare il giudizio sull’affidabilità creditizia dell’Italia, attualmente valutata con rating Baa2 e outlook negativo. Il Belpaese si trova a un livello distante solo due gradini dal giudizio “spazzatura”. Inoltre, pesa l’incertezza sullo scenario politico, visto che sembra quasi impossibile la formazione di un governo tra il centro-sinistra e il MoVimento 5 Stelle.

EURO E’ SPACCIATO SECONDO SAXO BANK

Stamattina le borse europee hanno aperto in calo e lo spread Btp-Bund è salito sopra 350 punti base. Sul forex l’euro sta provando a rimbalzare dopo le perdite di ieri: il cambio euro/dollaro quota in area 1,28, mentre euro/yen è a 120,50. Nelle prossime ore, però, non si possono escludere nuovi pesanti ribassi, in attesa della pubblicazione del pil americano del IV trimestre 2012 (ore 13,30).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>