Euro in calo per morte Kim Jong-il e possibile downgrade Fitch

di Stefania Russo Commenta

Il dollaro ha registrato nel corso della mattinata un nuovo rialzo nei confronti delle principali valute di riferimento..

Il dollaro ha registrato nel corso della mattinata un nuovo rialzo nei confronti dell’euro e delle principali valute di riferimento sulla scia della notizia della morte del leader nordcoreano Kim Jong-il, che ha riacceso l’appeal speculativo sul biglietto verde come valuta rifugio.

Al termine della seduta asiatica, in particolare, il cambio euro dollaro è sceso a quota 1,2983, per poi continuare a trattare pressapoco sugli stessi livelli nel corso della mattinata.

GUADAGNARE CON IL FOREX

La notizia della morte per attacco cardiaco del dittatore di Pyeongyang, che ricordiamo aveva già iniziato il trasferimento dei suoi poteri nelle mani del figlio, oltre che un rialzo del dollaro ha causato anche un forte calo delle principali borse asiatiche sulla scia dei timori di un ulteriore peggioramento dell’instabilità geopolitica nel nord-est Asiatico e dell’incertezza sulla futura leadership dello Stato. Il passaggio di poteri nella mani del figlio di Kim Jong-il appare piuttosto complicato e in molti temono una nuova situazione di caos politico e sociale, proprio come accaduto nel 1994.

PREVISIONI SULL’EURO PER IL 19 DICEMBRE 2011

Ad influire negativamente sull’andamento del cambio euro dollaro è anche la decisione di Fitch di mettere sotto osservazione il rating di ben sei paesi della zona euro per un possibile downgrade, tra cui figurano anche Spagna e Italia, dichiarando al contempo che a suo avviso una soluzione globale alla crisi del debito sovrano è tecnicamente e politicamente fuori portata. Nel frattempo l’agenzia di rating Moody’s ha declassato di due punti il rating del Belgio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>