Onde di Wolfe

di Stefania Russo 2

Le Onde di Wolf rappresentano una tra le più efficaci tecniche di trading, a dimostrarlo il fatto che il suo creatore, Bill Wolfe, si è guadagnato da vivere..

Le Onde di Wolf rappresentano una tra le più efficaci tecniche di trading, a dimostrarlo il fatto che il suo creatore, Bill Wolfe, si è guadagnato da vivere esclusivamente facendo trading.

Questa teoria si basa sulla prima legge fisica di Netwon, ovvero per ogni azione esiste una reazione uguale e contraria. Basandosi su questo enunciato, dunque, Wolf ha creato una struttura a onde i cui movimenti permettono di prevedere quelli futuri con un discreto successo.


Le onde di Wolfe, in altre parole, riflettono i naturali ritmi del mercato e sono create dal continuo scontro tra domanda e offerta, tuttavia per poterle individuare in maniera corretta occorre un pò di pratica e di allenamento. Esistono infatti diversi modelli di onde di Wolfe, uno dei fattori determinanti ai fini dell’individuazione è senza dubbio la simmetria in quanto i modelli più esatti sono quelli in cui fra i punti 1-3-5 esistono intervalli uguali di sincronizzazione fra i cicli dell’onda.

Queste le principali regole per creare un set up di acquisto:

– Il punto 2 è un top.
– Il punto 3 è un bottom del primo ribasso.
– Il punto 1 è un bottom precedente il punto 2 (top), che il punto 3 ha superato.
– Il punto 4 è il top del rally dopo il punto 3.
– Il punto 5 è il bottom dopo il punto 4 che rimbalza sul prolungamentodella trend line da 1 a 3.
– Il punto 5 è l’entry point verso l’obiettivo sulla EPA line (1 – 4)
– Il prezzo stimato all’arrivo sul target (EPA) è sulla trend line da 1 a 4 in corrispondenza dell’incrocio del prolungamento della trend line da 1 a 3 e del prolungamento della trend line 2 – 4
-L’incrocio del prolungamento della trend line 1 – 3 con la 2 – 4 segnala quando verrà raggiunto il punto 6, che rappresenta il nostro target.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>