Previsioni cambio Euro/Dollaro 3 settembre 2012

di ND82 Commenta

La moneta unica europea sta vivendo un buon momento, nonostante sul finire di luglio la maggior parte degli operatori finanziari si aspettava un nuovo deciso attacco della speculazione internazionale per colpire il debito pubblico dei paesi continentali maggiormente in difficoltà

La moneta unica europea sta vivendo un buon momento, nonostante sul finire di luglio la maggior parte degli operatori finanziari si aspettava un nuovo deciso attacco della speculazione internazionale per colpire il debito pubblico dei paesi continentali maggiormente in difficoltà, come Italia e Spagna. L’euro, invece, ha rialzato la testa ed è riuscito ad apprezzarsi molto soprattutto contro quelle valute che avevano mostrato una forza straordinaria fino al termine del mese di luglio, come dollaro australiano e dollaro canadese.

Il trend emergente rialzista del tasso di cambio euro/dollaro non è ancora particolarmente robusto, ma da un punto di vista tecnico si stanno consolidando le attese per nuovi apprezzamenti. Inoltre, le recenti dichiarazioni del numero uno della Federal Reserve, Ben Bernanke, che ha praticamente aperto a nuove manovre di politica monetaria espansiva, potrebbero contribuire ad alimentare la fiammella rialzista con obiettivi di prezzo nettamente superiori rispetto ai valori attuali.

I problemi dell’euro non sono di certo scomparsi improvvisamente questa estate, ma per qualche altra settimana gli investitori potrebbero attaccare ancora il dollaro americano in attesa di un nuovo piano di quantitative easing della FED entro fine anno. Venerdì scorso il cambio euro/dollaro ha toccato il livello più alto da circa un mese a 1,2640 circa, per poi correggere nel finale di seduta.

Oggi Wall Street resterà chiusa per festività e i volumi di scambio potrebbero penalizzare l’azione dei compratori. Se il cambio euro/dollaro resterà all’interno della congestione compresa tra 1,2590 e 1,2480, il trend laterale potrebbe rafforzarsi. Di converso, un ritorno deciso sopra 1,26 dovrebbe calamitare nuovamente l’attenzione dei compratori ma sarà fondamentale una chiusura sopra 1,2650 per aumentare le attese di nuovi apprezzamenti nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>