Yen si rafforza con instabilità della borsa di Tokyo

di ND82 Commenta

Sul finire della scorsa settimana il mercato finanziario di Tokyo è finito sotto i riflettori, a causa delle violente vendite che si sono abbattute sulle azioni e i bond. Secondo gli addetti ai lavori si tratta di movimenti tecnici dovuti alla condizione di ipercomprato cronico

giappone

Sul finire della scorsa settimana il mercato finanziario di Tokyo è finito sotto i riflettori, a causa delle violente vendite che si sono abbattute sulle azioni e i bond. Secondo gli addetti ai lavori si tratta di movimenti tecnici dovuti alla condizione di ipercomprato cronico, che si era formato su borsa e bond giapponesi a seguito del boom delle quotazioni avvenuto negli ultimi mesi. D’altronde l’indice azionario Nikkei era salito dell’80% in 6 mesi, per cui il crollo di oltre sette punti di giovedì scorso appare tutto sommato fisiologico.

L’instabilità della borsa nipponica, però, potrebbe proseguire ancora nel breve periodo e favorire ancora il cambio dello yen, molto acquistato in questa fase di mercato a causa del clima di risk-off e dei forti riscatti effettuati sui carry trade e le operazioni di margin trading short. In realtà, ci sono alcuni analisti finanziari che iniziano a dubitare sulla sostenibilità della maxi-svalutazione dello yen nel medio-lungo periodo.

INVESTITORI IN CERCA DI VALUTE RIFUGIO DOPO CROLLO DEI MERCATI

Ad esempio, Luciano Jannelli – chief economist per il broker svizzero Mig Bank – ritiene che esiste il rischio concreto che “il deprezzammento dello yen possa avere effetti contrari rispetto a quelli auspicati, e cioè che crei deflazione invece che inflazione”. Sarebbe chiaramente un colpo pesante da digerire per il governo nipponico e la Bank of Japan, che hanno lanciato un piano di stimoli monetari e fiscali (“Abenomics”) senza precedenti per combattere la deflazione.

Jannelli ricorda che “il Giappone importa energia dall’estero a costi crescenti per l’effetto-valuta. Se la bolletta energetica sale troppo, potrebbero però esserci l’effetto collaterale di una riduzione degli acquisti sui beni discrezionali che potrebbe deprimere i prezzi facendo risalire lo yen”. Tra l’altro il paese del Sol Levante, nonostante siano passati solo due anni dal disastro di Fukushima, ha già deciso di rilanciare il nucleare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>