Il dollaro recupera lo svantaggio sullo Yen giapponese

di Fabrizio Martini Commenta

Il dollaro americano ha recuperato terreno nei confronti della moneta giapponese, dopo le altalenati sedute dei giorni scorsi.

forex

Il dollaro americano ha recuperato terreno nel confronto dello yen giapponese, dopo gli affanni registrati negli ultimi giorni. Questo è quanto emerge nel mercato di contrattazione delle monete estere, il cosiddetto Forex. Gli analisti hanno indicato che il recupero della moneta americana è dovuto ad un rimbalzo tecnico. Negli scorsi giorni infatti il dollaro aveva registrato la peggiore perdita nell’arco di 24 ore negli ultimi tre anni. Una perdita inaspettata nei confronti della moneta giapponese, che aveva tenuto botta al dollaro nonostante le notizie pessime provenienti dai mercati asiatici negli ultimi giorni.

Il rimbalzo è dovuto proprio ai massicci acquisti di dollari da parte degli imprenditori del paese del Sol Levante e da parte degli hedge fund, che hanno rifugiato i propri capitali nella moneta americana proprio dopo gli altalenanti e negativi risultati della borsa di Tokyo. La tempesta azionaria giapponese sembra essersi calmata dopo giorni frenetici, ma gli investitori non sono ancora del tutto tranquilli dopo le gravi perdite registrate.

Il Nikkei ha accusato un forte calo in apertura di giornata sulla scia dei risultati negativi riportati dalla borsa americana di Wall Street, ma la situazione durante l’intera giornata di contrattazione non è peggiorata. La chiusura è stata comunque negativa, con l’indice della borsa di Tokyo che ha perso lo 0,2%.

Le fluttuazioni del mercato giapponese hanno però sostenuto l’acquisto in massa di dollari rispetto allo yen, azione che ha fatto risalire il prezzo del dollaro e quindi ha fatto rafforzare la moneta unica americana nel cambio.

Il problema giapponese ha influenzato anche le borse e il mercato delle valute dei paesi asiatici emergenti come Thailandia e Indonesia, le cui monete sono state fortemente indebolite. Gli investitori si sono infatti allontanati dai mercati di questi paesi e i rendimenti Treasury si sono notevolmente alzati, impauriti da un rallentamento di acquisto di titoli di stato da parte della Fed americana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>