Azioni italiane su cui investire secondo Mediobanca

di Stefania Russo Commenta

Gli analisti di Mediobanca hanno deciso di non modificare la propria lista di titoli preferiti e di confermare...

Gli analisti di Mediobanca hanno deciso di non modificare la propria lista di titoli preferiti e di confermare quindi il loro portafoglio delle small-cap italiane. Questo soprattutto perché mentre il Ftse Italia Mid Cap e il Ftse Mib hanno registrato entrambi una perdita del 12,2%, soprattutto a causa delle tensioni nella zona euro, mentre il portafoglio titoli di Mediobanca ha registrato una perdita limitata al 5%.

La lista dei titoli azionari preferiti da Mediobanca comprende Astaldi, Banca Generali, Beni Stabili, Danieli, De’ Longhi ed EI Towers.

MIGLIORI DIVIDEND YIELD 2012 SECONDO MEDIOBANCA

Gli analisti di Mediobanca, dunque, si sono detti certi del fatto che la loro sia una scelta vincente e hanno fornito una valida motivazione per ciascun titolo incluso nel portafoglio.

Per Astaldi, in particolare, la banca ha citato il nuovo business plan della società e che tiene in considerazione un’accelerazione della raccolta ordini, per Banca Generali viene invece posto l’accento sulla sua situazione patrimoniale, su un profilo di rischio relativamente basso e sulla generosa politica di dividendi.

SETTORI SU CUI INVESTIRE PER COMBATTERE L’INFLAZIONE NEL 2012

Beni Stabili presenta invece un portafoglio di alta qualità e un potenziale di rilancio delle attività di gestione patrimoniale, mentre Danieli potrebbe beneficiare della conversione di azioni di risparmio in azioni ordinarie. Per quanto riguarda De’ Longhi, nonostante il primo trimestre non sia stato positivo, si ritiene che l’accordo con il marchio Braun incrementerà le sue prospettive di crescita. EI Towers, infine, viene includa nel portafoglio soprattutto per l’alta visibilità dei contratti, il basso profilo di rischio e l’assenza di rischi normativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>