Investire nel mattone o in BTP?

di Stefania Russo Commenta

Sulla base di un'indagine elaborata da CorrierEconomia e presentata in anteprima al Salone del Risparmio lo scorso aprile...

Sulla base di un’indagine elaborata da CorrierEconomia e presentata in anteprima al Salone del Risparmio lo scorso aprile, gli investimenti vincenti degli ultimi due anni sono stati quelli in BTP e nel mattone, che sono risultati essere i migliori per due volte ciascuno.

L’indagine, in particolare, prende in considerazione i rendimenti dei Fondi comuni italiani, dei Bot, dei Btp, delle azioni italiane e degli immobili.

VALORE IMMOBILI IN CALO, IL MATTONE NON È PIÙ UN BENE RIFUGIO

I BTP sono risultati essere l’investimento vincente su due diverse distanze, quella a 20 anni e quella a 5 anni. Nel primo caso i Buoni del Tesoro Poliennali si sono rivelati l’investimento migliore con un rendimento del 275,10%, seguiti dalle azioni italiane (211,8%) e dagli immobili (174,5%), mentre nel secondo caso i BTP hanno presentato un rendimento del 19,30%, seguiti dal 13,4% dei BOT e 7,1% degli immobili.

RENDIMENTO INVESTIMENTO IMMOBILIARE

Sulle due rimanenti distanze, quella a 10 e a 15 anni, invece, sono risultati essere gli immobili l’investimento più redditizio. Nel primo caso, infatti, l’investimento immobiliare ha reso il 79,90%, seguito dal 47,89% dei BTP e dal 26,8% dei BOT, mentre nel secondo caso il mattone ha presentato un rendimento del 144,70%, seguito dal 112,5% della Borsa e dal 101,7% dei BTP.

Pur rimanendo un investimento che è riuscito a vincere due volte su quattro, la credenza che il mattone garantisca sempre i migliori guadagni è più che altro una legenda metropolitana del mondo finanziario. I dati pubblicati da CorrierEconomia dimostrano infatti che anche quello immobiliare è un investimento che presenta la sua ciclicità e che in alcuni momenti può essere meno interessante rispetto ad altri strumenti di risparmio, senza contare il neo della minore liquidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>