Oro a 2.000$ entro inizio 2013 secondo Thomson Reuters Gfms

di ND82 Commenta

Secondo l’ultima previsione elaborata da Thomson Reuters Gfms, le quotazioni dell’oro potrebbero toccare quota 2.000$ l’oncia entro fine 2012 oppure all’inizio del 2013

Nelle ultime settimane i metalli preziosi hanno mostrato un andamento molto volatile e fino a qualche giorno fa c’erano molti segnali ribassisti, che facevano pensare addirittura ad un nuovo importante strappo bearish di breve-medio periodo. Tuttavia, l’accordo sulle misure salva-euro trovato alla fine della scorsa settimana ha ridato slancio alle quotazioni dell’oro, che sono tornate velocemente sopra 1.600$ l’oncia. Secondo gli esperti, gli scenari rialzisti restano ancora intatti per i prossimi mesi per cui il trend potrebbe subire un’improvvisa accelerazione verso l’alto.

Secondo l’ultima previsione elaborata da Thomson Reuters Gfms – nel rapporto per l’anno in corso realizzato in collaborazione con Banca Etruria per la versione italiana – le quotazioni dell’oro potrebbero toccare quota 2.000$ l’oncia entro fine 2012 oppure all’inizio del 2013. Gfms, ovvero Gold Fields Mineral Services Limited, è la società di consulenza più importante nel settore aurifeo e ha presentato il Gold Survey 2012 lo scorso aprile a Londra (il rapporto viene presentato ormai sistematicamente da 45 anni).

PREZZO ORO SOPRA 1.900$ A FINE 2012 SECONDO COMMERZBANK

Nei giorni scorsi la società di consulenza ha presentato il rapporto a Milano con Banca Etruria, che ne ha approfittato per mostrare al grande pubblico i suoi prodotti legati al metallo giallo. Secondo gli esperti di Gfms, i futuri rialzi dell’oro saranno possibili in quanto restano “significative incertezze riguardo le prospettive economiche globali, come la potenziale pressione inflazionistica e i rischi connessi al debito sovrano”.

PREVISIONI PREZZO ORO SECONDA PARTE 2012 SECONDO GOLDMAN SACHS

Il timing di ingresso sarà fondamentale, in quanto nel lungo periodo l’oro potrebbe perdere appeal se avverrà un miglioramento del quadro macroeconomico globale. Secondo Gfms gran parte della domanda d’oro arriverà dagli investitori. Nel 2011 gli investimenti in lingotti fisici sono aumentanti del 37%, raggiungendo il record di 1.209 tonnellate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>