Propensione al rischio e investimenti

di Stefania Russo Commenta

Prima di scegliere le azioni, le obbligazioni e i beni su cui investire e che andranno quindi a comporre il nostro portafoglio è indispensabile prima di tutto...

Prima di scegliere le azioni, le obbligazioni e i beni su cui investire e che andranno quindi a comporre il nostro portafoglio è indispensabile individuare la propensione al rischio, ossia il grado di tolleranza alle variazioni del valore di patrimonio che intendiamo adottare o, più semplicemente, che siamo in grado di sopportare.

Questa variabile, infatti, non deriva solo da ragioni di carattere oggettivo, come ad esempio l’andamento dei mercati finanziari o la stabilità finanziaria, ma anche da fattori soggettivi e che spaziano dal contesto culturale in cui si è vissuti fino ad arrivare addirittura, secondo alcuni ricercatori, alle mutazioni dei geni che regolano la dopamina e la serotonina.


A prescindere da quelli che sono i fattori che determinano la propensione al rischio di ciascun investitore, individuarla è senza dubbio il primo passo da compiere, altrimenti non si può procedere alla composizione del portafoglio di investimenti. Ma come facciamo ad individuare la nostra propensione al rischio?

PSICOLOGIA DEL TRADING

Secondo gli esperti il modo migliore per farlo è quello di porsi delle domande sugli obiettivi che si intendono raggiungere attraverso l’investimento, in particolare è necessario stabilire se gli obiettivi prefissati possono essere anticipati o posticipati nel tempo; quali conseguenze si avrebbero se le scadenze poste per tali obiettivi non dovessero essere rispettate; quali sarebbero le conseguenze, sia dal punto di vista dell’umore che da quello finanziario, se i rendimenti fossero inferiori o superiori alle attese; cosa accadrebbe nel caso in cui dovesse realizzarsi la perdita massima. Per rispondere a queste domande è indispensabile immedesimarsi nelle situazioni ed essere il più obiettivi possibile.

COMPOSIZIONE PORTAFOGLIO DIVERSIFICATO

Dopo aver risposto sinceramente a queste domande non resta che andare a comporre il portafoglio in maniera coerente con le risposte stesse, scegliendo tra una composizione del portafoglio ad alto rischio e una composizione del portafoglio a basso rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>