Moody’s promuove le banche americane

di ND82 Commenta

L’agenzia di rating Moody’s ha deciso di promuovere le banche americane, alzando il giudizio sul settore a “stabile” da “negativo”. Non accadeva dal 2008

moodys_

L’agenzia di rating Moody’s ha deciso di promuovere le banche americane, alzando il giudizio sul settore a “stabile” da “negativo”. Non accadeva dal 2008. Il maggiore ottimismo di Moody’s viene spiegato dalla stessa agenzia, che sottolinea la possibilità per le banche statunitensi di lavorare in un ambiente operativo in miglioramento e di non doversi più preoccupare di rischi eccessivi legati alla frenata dell’economia a stelle e strisce. Nel report “Banking System Outlook: United States of America”, Moody’s ha dichiarato di attendersi una crescita del pil Usa tra l’1,5% e il 2,5% per il biennio 2013-2014.

Nello stesso arco di tempo l’agenzia di rating si aspetta un calo del tasso di disoccupazione in area 7%. Sean Jones, uno degli autori del rapporto, ha spiegato che “una crescita sostenuta del pil e condizioni occupazionali in miglioramento aiuteranno le banche a proteggere i loro stessi bilanci, ora più solidi”. Secondo l’esperto di Moody’s, “le banche americane sono ben posizionate per affrontare un nuovo eventuale rallentamento dell’economia”.

MIGLIORI BANCHE DEL MONDO SECONDO UBS

Questo perché negli ultimi anni le banche americane hanno lavorato molto sulla riduzione dei costi del credito e sul rafforzamento del proprio patrimonio. Secondo Moody’s, bassi livelli dei tassi di interesse consentiranno al settore bancario Usa di realizzare ancora una buona performance nei prossimi 12-18 mesi. Intanto, però, il rendimento dei Treasury Bond inizia a salire pericolosamente.

PREVISIONI BANCHE ITALIANE SECONDO FITCH

Ieri i tassi decennali hanno toccato quota 2,11%, ai massimi da aprile 2012. Secondo i trader obbligazionari, il prossimo livello-chiave del rendimento dei T-Bond Usa è a 2,25%, che se superato potrebbe spingere i tassi fino al 2,4%. Il rialzo dei rendimenti potrebbe mettere a rischio anche la ripresa del settore immobiliare, che ieri ha visto i prezzi delle case crescere al ritmo maggiore degli ultimi 7 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>