Rating debito Usa declassato da Standard & Poor’s

di Francesco Di Cataldo 5

Gli organi di stampa degli Stati Uniti hanno fatto sapere che S&P ha fatto sicuramente un errore di conteggio che ha portato ad un declassamento ingiusto..

Bruttissima giornata per gli Stati Uniti che si sono visti privare di una lettera A nel giudizio di rating sul proprio debito. Secondo l’agenzia di rating Standard & Poor’s gli Stati Uniti non possono più beneficiare del giudizio formato dalla tripla AAA riguardo al proprio debito che risulta essere ora AA+.

La tripla A sta ad indicare che lo stato gode di ottima salute finanziaria ed è in grado di gestire egregiamente il proprio debito al punto da essere considerato sicuro e consigliato.



Sia ben chiaro, il giudizio attuale è tutt’altro che preoccupante, il AA+ è ancora un ottimo giudizio, ma essere declassati da una società di rating importante com’è quella di Standard & Poor’s è senza alcun dubbio un brutto colpo per lo stato che dovrebbe essere la locomotiva dell’intera economia mondiale.

A incidere sul giudizio che ha portato al declassamento del debito USA è la cattiva gestione del debito finanziario, la lentezza nel trovare un accordo di legge che potesse aumentare di fatto il livello massimo del debito e l’insufficienza delle opere realizzate per compensare questo eccesso.

DEBITO PUBBLICO USA 2011

Barack Obama per non dover mandare in default il Ministero del Tesoro e di conseguenza l’intero stato il 2 agosto scorso quando erano in scadenza i bond americani, ha fatto di tutto, ma ha dovuto arrivare ad un compromesso con l’opposizione che al senato risulta essere più forte della parte governativa.

Gli organi di stampa degli Stati Uniti hanno fatto sapere che S&P ha fatto sicuramente un errore di conteggio che ha portato ad un declassamento ingiusto.

Commenti (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>