Target price Astaldi tagliato da Unicredit MIB

di Stefania Russo Commenta

Gli analisti di Unicredit MIB hanno comunicato di aver tagliato il target price sul titolo Astaldi portandolo da 7,2 euro a 6,6 euro...

Gli analisti di Unicredit MIB hanno comunicato di aver tagliato il target price sul titolo Astaldi portandolo da 7,2 euro a 6,6 euro.

La valutazione complessiva della banca d’affari sul titolo della società attiva nel settore delle costruzioni rimane però positiva: il titolo Astaldi è stato infatti confermato nella lista dei titoli preferiti da Unicredit MIB, che ha spiegato di aver deciso di tagliare il target price solo per adeguare la valutazione alle recenti modifiche apportate ai parametri di valutazione dell’azienda.


A Piazza Affari il titolo Astaldi stamane segna una flessione dell’1,73% a 4,308 euro, una performance negativa nonostante l’annuncio arrivato ieri di un nuovo contratto in Polonia.

[DIVIDENDO ASTALDI 2010 PAGAMENTO 2011]

Nel pomeriggio di ieri, infatti, Astaldi ha comunicato di essersi aggiudicato un contratto da 350 milioni di dollari in forza del quale si occuperà insieme ad altre aziende polacche della progettazione e della realizzazione della Fase II del progetto di ammodernamento della linea ferroviaria Varsavia-Lodz e della stazione ferroviaria sotterranea di Lodz Fabryczna.

Con questo nuovo contratto, dunque, Astaldi ha rafforzato ulteriormente la sua presenza in Polonia, dove i contratti attualmente in esecuzione ammontano a 1,5 miliardi di dollari.

[BILANCIO ASTALDI PRIMO SEMESTRE 2011]

Astaldi, ricordiamo, ha archiviato il primo semestre dell’anno con risultati in linea con le attese, in particolare nel corso della prima metà dell’anno ha realizzato un utile netto di 18 milioni di euro, un fatturato pari a 611 milioni e un Ebitda a 63 milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>