Incronto Fiat Scajola

di Millocca Manuel Commenta

Oggi ci è stato un incontro tra il ministro dello sviluppo ,Scajola, e l'amministratore delegato Fiat, Marchionne, dove si è parlato di molti argomenti..

Oggi ci è stato un incontro tra il ministro dello sviluppo ,Scajola, e l’amministratore delegato Fiat, Marchionne, dove si è parlato di molti argomenti.
Uno di questi argomenti è lo stabilimento di Termini Imerese di cui il ministro Scajola si è detto molto Fiducioso, ribadendo che Fiat ha dato piena collaborazione per trovare un possibile sostituto, garantendo anche un’aumento della produzione auto nel sud Italia.

Secondo fonti del governo sarebbero già arrivate delle richieste da una società automobilistica cinese che vorrebbe iniziare a produrre nello stabilimento di Termini Imerese, ma questa è soltanto delle morle proposte pervenute al ministero dello sviluppo economico.



L’amministratore Marchionne ha detto che stanno collaboranto col governo Italiano per dare nuova vita allo stabilimento siciliano, e affermando che la Fiat crede nel marchio Lancia Romeo.
Oggi infatti la fiat ha fatto vedere al presidente della repubblica la nuova Giulietta, l’auto che rilancerà l’alfa romeo in tutto il Globo.

Marchionne ha detto che l’alleanza con Chrysler conta di salire fino a che la Fiat non possieda il 35% della società americana entro i prossimi due anni.

E’ ritenuto anche poco credibile il matrimonio tra Peugeot e Fiat siccome non ci sono le condizioni politiche e sociali nei due paesi, infatti non sarebbe vantaggioso per i due paesi chiudere degli stabilimenti.

Fiat dovrà ora analizzare un possibile spin-off, che sembra molto improbabile , della divisione auto.
Questa possibilità verrà trattata al momento della presentazione del piano strategico 2010-2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>