Joint venture Generali PPF pagherà dividendo per oltre 300 milioni

di Stefania Russo Commenta

Generali ha annunciato questa mattina la conclusione di un accordo con PPF Group per lo scioglimento della joint venture...

Generali ha annunciato questa mattina la conclusione di un accordo con PPF Group per lo scioglimento della joint venture nell’Europa Centro-Orientale mediante acquisto da parte della compagnia triestina del 49% di GPH verso un corrispettivo complessivo di 2,5 miliardi di euro.

L’accordo siglato tra i due gruppi prevede inoltre che entro la fine del primo trimestre di quest’anno venga distribuito agli azionisti di Generali PPF Holding un dividendo complessivo di 352 milioni di euro, nonché la distribuzione del 60% dell’utile maturato nel 2013 e nel 2014.


La compravendita di GPH da parte di Generali avverrà in due distinte tranche: la prima, entro il 28 marzo 2013, riguarderà il 25% di GPH per 1,286 miliardi di euro, mentre la seconda, alla fine del 2014, avrà ad oggetto il restante 24% per un corrispettivo di 1,234 miliardi. Generali ha fatto sapere di essere già in possesso delle risorse necessarie per il pagamento della prima tranche.

L’accordo prevede inoltre la cessione da parte di Generali a PPF delle attività assicurative di credito al consumo in Russia, Ucraina, Bielorussia e Kazakistan per 80 milioni di euro; l’acquisizione da parte di Generali di un’ulteriore quota in Ingosstrakh attraverso l’acquisto di tutte le azioni di PPF Beta; l’acquisizione del pieno controllo del fondo PPF Partners da parte di PPF.

A Piazza Affari il titolo Generali nel corso della seduta odierna trae beneficio dalla conclusione anticipata della joint venture siglata con PPF Group: in tarda mattinata segna un guadagno di oltre un punto percentuale a 14,53 euro, contro un +0,45% del FTSE Mib.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>