Unicredit cessione controllata turca

di Stefania Russo Commenta

L'amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, durante una conferenza stampa tenuta a Istambul ha ribadito l'intenzione di cedere...

L’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, durante una conferenza stampa tenuta a Istambul ha ribadito l’intenzione di cedere Yapi KrediSigorta, compagnia assicurativa turca facente parte del gruppo Yapi Kredi e controllata dall’istituto di Piazza Cordusio insieme a Hoc Holding.

La cessione, ha spiegato Ghizzoni, avverrà non appena si farà avanti un potenziale acquirente realmente interessato all’acquisizione e capace di formulare un’offerta adeguata rispetto a quello che è il reale valore della compagnia. L’obiettivo è quello di concludere l’operazione entro la prima metà del prossimo anno.


I potenziali acquirenti, tuttavia, non dovrebbero tardare ad arrivare. Secondo quanto riferito da alcune indiscrezioni di stampa non confermate ufficialmente, tra coloro che sarebbero interessati a rilevare la compagnia assicurativa turca attualmente nella mani di Unicredit ci sarebbe un altro gruppo italiano. Si tratta di Generali, che a quanto pare starebbe valutando l’acquisizione per espandere la sua presenza sul territorio turco.

Nel corso del suo intervento Ghizzoni ha tenuto a precisare che l’intenzione di cedere Yapi KrediSigorta non deriva affatto dalla decisione di Unicredit di abbandonare la Turchia. Unicredit continuerà infatti ad investire nel Paese, la cessione della compagnia assicurativa rientra semplicemente in una strategia adottata dall’istituto.

A Piazza Affari stamane il titolo Unicredit si muove in territorio positivo sulla scia dell’andamento al rialzo dei principali indici azionari del listino milanese. In tarda mattinata, in particolare, segna un guadagno di circa un punto e mezzo percentuale a 3,808 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>