Possibile quotazione in Borsa Amadori

di Stefania Russo Commenta

Definirla una delle Ipo del 2011 è ancora troppo presto, anzi, pare sia troppo presta anche per parlare di Ipo. Secondo quanto pubblicata..

Definirla una delle Ipo del 2011 è ancora troppo presto, anzi, pare sia troppo presta anche per parlare di Ipo. Secondo quanto pubblicato da Affari & Finanza, infatti, la quotazione in Borsa dei polli e tacchini Amadori è solo un’ipotesi al vaglio dell’azienda romagnola, attualmente alla ricerca di un modo per valorizzare la società e massimizzare la sua redditività.

Secondo quanto rivelato dal quotidiano, dunque, l’azienda avrebbe dato mandato a Mediobanca di individuare le alternative strategiche in grado di massimizzare ricavi e redditività dell’impresa sia nel medio che nel lungo periodo.


Tra le possibili alternative ci sarebbe quella dello sbarco in Borsa oppure quella dell’ingresso in un fondo di investimento. Entrambe le opzioni implicano però necessariamente un mutamento della forma mentale dell’azienda stessa, dal momento che il peso delle famiglie azioniste dovrà necessariamente diminuire, sia in termini di gestione che di capitale. La base azionaria è infatti costituita dalle famiglie dei tre fratelli: Francesco Amadori che detiene una quota del 69%, Arnaldo Amadori con una quota del 23% e Germano Lucchi con una quota dell’8%.

L’amministratore delato del gruppo, Flavio Amadori, ha affermato che l’azienda è convinta che ci siano tutti i presupposti per crescere e per dare soddisfazioni a chi investe, sottolineando come nonostante la voglia di evolvere le famiglie attuali azioniste del gruppo sono determinate a restare nella compagnia sociale, seppur dovendo necessariamente andare a sacrificare parte delle loro quote azionarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>