Forex, dopo la Brexit i trader investono su oro e dollaro

0
327

Puntare su dollaro e oro, per superare i malumori della Brexit. Il biglietto verde, a dire il vero, è più appetibile rispetto al metallo giallo.

euro dollaro

Tra i suoi sostenitori più accaniti c’è Jim Rogers, uno dei fondatori del Quantum Fund, il mitico fondo Usa che nel decennio 1970-1980 guadagnò il 4.200% mentre l’S&P era avanzato solo del 47%. Rogers è anche il padre del Rogers International Commodities Index (Rici) alla fine degli anni Novanta. Come guest professor insegna finanza alla Columbia Business School.

Secondo Jim Rogers, i prezzi dei lingotti sono destinati a crollare nei prossimi mesi e lui tornerà ad acquistare oro solo alla fine del 2016. Stando invece a un’indagine di Bloomberg fra 12 economisti, il valore del lingotto dovrebbe salire ancora del 7% in confronto ai livelli attuali.

Dall’inizio dell’anno l’oro ha ricavato il 25%, dopo che le quotazioni avevano ceduto nel triennio precedente. Gli hedge fund hanno infatti incrementato le loro scommesse sul metallo giallo. Ed è questo entusiasmo che induce Rogers alla cautela:

L’oro è stato sbalorditivo quest’anno nella sua ascesa, e a me non mi piace comprare qualcosa che veleggia verso l’alto. Come bene rifugio preferisco il dollaro all’oro. Il metallo giallo è salito dello 0,9% a 1.327,62 dollari l’oncia questa mattina presto a Londra (alle ore 10:15 scambia a 1.329 dollari), dopo essere balzato venerdì scorso a quota 1.358,54 dollari (per poi poi ritracciare), il livello più alto dal marzo 2014. Guadagnando così l’8,1%, il maggiore salto dal settembre 2008. I prezzi potrebbero raggiungere quota 1.424 entro la fine dell’anno.

La previsione che la Federal Reserve terrà bassi i tassi di interesse negli Stati Uniti ha aumentato la domanda di metallo come riserva di valore, mentre uno scenario geopolitico volatile ha spinto gli acquisti di oro come bene rifugio.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui