Il dollaro in recupero all’apertura europea, dopo il calo di ieri

di Daniele Pace Commenta

dollaroIl dollaro era tornato a scendere nella giornata di ieri, a favore dell’euro e della sterlina. Questa mattina l’inversione di tendenza, con i mercati che tornano a chiedere il biglietto verde. Ieri Trump aveva scatenato il calo, con le critiche dirette alla Federal Reserve e il suo governatore Jerome Powell, che aveva mantenuto invariati i tassi sulla divisa Usa.

Da tempo il presidente americano chiede un dollaro a basso costo per spingere l’economia Usa, che in verità, per i dati pubblicati ieri, non va affatto male. La Fed invece sceglie la cautela e l’attesa, anche perché ci sono i dati europei che hanno spinto su l’euro.

L’Europa sembra aver superato il periodo di rallentamento, o almeno sembra che gli allarmi lanciati nei mesi scorsi erano sovrastimati. Non c’è una forte accelerazione, ma i dati italiani e tedeschi sono migliori della previsioni.

Le coppie

Nonostante tutto, l’euro resta vicino ai minimi storici sul dollaro. Alle 09:15, la coppia EUR/Usd scende dello 0,12%, ponendosi alla quotazione di 1,1163 dollari. La coppia GBP/USD scende dello 0,10% a 1,3021 dollari.

Il dollaro sale leggermente anche sullo yen, con la coppia USD/JPY su dello 0,02% a 111,53 yen, mentre la coppia USD/CAD scende dello 0,03% a 1,3468 dollari canadesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>