L’euro al rialzo massimo da un anno e mezzo. Il futuro del dollaro

di Daniele Pace Commenta

 Dopo aver passato molto tempo ai massimi, il dollaro ha iniziato a perdere terreno sulla moneta unica che ora ha guadagnato tantissimo terreno in una sola settimana. Nonostante il tira e molla tra Trump e il presidente Fed Jerome Powell, i mercati credono a più di un taglio sui tassi del dollaro, e la divisa statunitense ha iniziato la sua discesa, proprio come voleva il presidente americano.

La coppia euro/dollaro

La coppia euro/dollaro si è apprezzata tantissimo questa settimana, come non faceva da ben 17 mesi. L’euro ha fatto un balzo in avanti e oggi si trova a 1,1370, anche se in settimana aveva raggiunto anche la quotazione di 1,1395 dollari. E tutto questo nonostante l’inflazione europea rimane stagnante e la Bce continui a tenere una politica monetaria con tassi ai minimi storici.

L’Europa ha un’economia debole, e i prezzi non salgono. Secondo le previsioni di Eurostat, l’inflazione si attesterà all’1,2%, come dalle stime passate. Ma la Bce vorrebbe portarla al 2%, senza successo finora. A nulla è servita, da questo punto di vista, la sua politica monetaria. Intanto il dollaro continua a scendere, nonostante le parole di Robert Kaplan, presidente della Federal Reserve di Dallas, che allontanano il taglio dei tassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>