BCE prevede rialzo dei tassi a luglio 2011

2
77

La Banca Centrale Europea, attraverso il suo presidente Trichet, avverte che i rischi relativi all’inflazione sono previsti in crescita, e ciò fa intravedere la decisione di aumentare il costo del denaro per il mese di luglio.

Infatti secondo la BCE, viste le prospettive inflazionistiche future, è necessario intervenire con un aumento dei tassi.



In ogni caso le previsioni monetarie per il 2011 e per il 2012 sono discretamente ottimiste, proiezioni che evidenziano un complessivo volume monetario in ripresa, in una situazione di relativa abbondanza di liquidità.

Ricordiamo che il costo del denaro è rimasto bloccato per due anni all’1%, e solo nello scorso aprile, in seguito alla crisi finanziaria del biennio 2008-2009, si è deciso di innalzare i tassi di un quarto di punto, portandoli all’1.25%. Quindi a luglio si dovrebbe avere un rialzo di un ulteriore 0,25%, portando i tassi di riferimento all’1,5%.

Gli analisti prevedono che entro la fine dell’anno ci possa essere un ulteriore aumento dei tassi, portando il costo del denaro all’1,75%, ma la BCE comunica che in questa situazione finanziaria globale, non può essere stabilita una previsione a medio termine.

Nel frattempo è stato confermato un altro pacchetto di aiuti per la Grecia, dopo i già 110 milardi elargiti, oltre un aiuto per altri tre mesi, per quanto riguarda la liquidità monetaria, delle banche in difficoltà.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui