Telecom e l’offerta dell’azionista Telco sostengono il titolo in borsa

di Matteo Moneta Commenta

Il mercato continua a prestare particolare attenzione a Telecom, in particolare su due diversi fattori.

Il primo fattore è legato al piano industriale che il presidente esecutivo di Telecom, Franco Bernabé, presenterà al prossimo consiglio di amministrazione previsto per il 19 settembre 2013. Nel piano industriale Telecom sembra che vi sia la possibilità dell’inserimento di un nuovo socio. Si ipotizzano per quest’ultimo ruolo diversi nomi, come: H3G, Vodafone, Naguib Sawiris, At&t e America Movil.

Il secondo fattore che lascia gli occhi puntati su Telecom è legato alla scadenza del 28 febbraio, ovvero alla scadenza dei termini annui per l’annuncio della disdetta del patto Telco. Dato quest’ultimo fatto si guardano con estremo interesse le trattative in corso tra la Telefonia e i soci Telco.

Temi molto complessi che potrebbero non riuscire ad essere affrontati e superati nel consiglio di amministrazione del 19 settembre 2013. Difatti si pensa già ad un probabile, anche se non è ancora ufficiale, consiglio di amministrazione per il 3 ottobre del 2013, una riunione che servirebbe a portare a termine il prossimo cda del 19/09.

Angel Vilà Boix, direttore finanziario del gruppo spagnolo nonché vicepresidente di Telco, sembra interessato a fare un’offerta ma allo stesso tempo, sulla base delle ultime dichiarazioni, vuole che anche gli altri azionisti della società Telco facciano la loro offerta e la loro parte.

Le voci sulla possibile offerta Telecom da parte di Telco, che è comunque azionista di Telecom al 22,4% e quindi socio a tutti gli effetti, ha fatto sì che il titolo Telecom rimanesse sostenuto a Piazza Affari permettendogli un guadagno dello 1,32% nella giornata dell’11 settembre scorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>