Novità assicurazione mutuo decreto Monti

di Stefania Russo Commenta

A partire dal 2 aprile di quest'anno, in forza di quanto stabilito dal decreto legge "Cresci-Italia" varato dal governo Monti...

A partire dal 2 aprile di quest’anno, in forza di quanto stabilito dal decreto legge “Cresci-Italia” varato dal governo Monti, gli istituti di credito e gli intermediari finanziari che condizionano l’erogazione di un mutuo alla stipula di una polizza assicurativa sono obbligati a sottoporre al cliente almeno due preventivi di differenti gruppi assicurativi.

La nuova norma, dunque, ha come obiettivo quello di modificare la prassi bancaria consistente nell’abbinamento di una polizza assicurativa all’erogazione di un mutuo senza dare la possibilità al cliente di scegliere l’offerta migliore in base alle sue esigenze.

VALORE IMMOBILI IN CALO, IL MATTONE NON È PIÙ UN BENE RIFUGIO

L’introduzione di tale norma è stata commentata dal presidente dell’Isvap, Giancarlo Giannini, secondo cui la nuova disposizione, pur rafforzando i meccanismi concorrenziali, di fatto non pone fine alla pratica in uso tra le banche e che risulta essere molto pregiudizievole per i clienti, che nella maggior parte dei casi si vedono costretti a stipulare polizze a cui vengono applicate commissioni pari in media al 44% dei premi corrisposti.

COME OTTENERE UN MUTUO

Giannini ha inoltre sottolineato che in sede di conversione del decreto sarebbe necessario rendere coerente la normativa primaria e quella regolamentare, dal momento che la norma contenuta nel decreto risulta in contrasto con il provvedimento Isvap che vieta alle banche e agli intermediari di assumere al contempo la funzione di intermediari assicurativi.

Secondo Roberto Anedda di MutuiOnline, invece, la nuova norma presenta dei dubbi in termini di efficacia, dal momento che i due preventivi offerti al cliente potrebbero differire di poco l’uno dall’altro. Una soluzione efficace, dunque, a suo avviso, sarebbe quella di sottoporre al cliente un numero di preventivi superiore a due.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>