Super-dollaro grazie a sussidi ai minimi dal 2008

di ND82 Commenta

Sul forex è tornata la voglia di comprare dollari americani, in una fase storica in cui continua ad aumentare il gap di competitività economica tra il gigante a stelle e strisce e le altre potenze occidentali

500_euro dollaro

Sul forex è tornata la voglia di comprare dollari americani, in una fase storica in cui continua ad aumentare il gap di competitività economica tra il gigante a stelle e strisce e le altre potenze occidentali. A partire da ieri pomeriggio il biglietto verde ha ripreso la sua marcia rialzista, favorito dall’ottimo dato relativo alle nuove richieste di sussidi settimanali di disoccupazione, diminuite di altre 4mila unità a 323mila. Si tratta del livello più basso da gennaio 2008, che si somma a quello della disoccupazione scesa ai minimi degli ultimi 5 anni.

Il dato sui jobless claims è risultato anche migliore delle attese degli analisti finanziari, che si aspettavano un peggioramento della situazione con un incremento delle richieste di sussidi a 336mila unità. La media mobile delle ultime quattro settimane è scesa la scorsa settimana di 6.250 unità a 336.750 ai minimi dal 2007. Questo dato viene considerato molto più attendibile, in quanto risulta meno volatile.

Sul forex il tasso di cambio euro/dollaro è stato respinto ancora una volta a contatto con l’area di resistenza compresa tra 1,3180 e 1,32. Da quel momento i prezzi sono scesi vistosamente fino a perforare il supporto di 1,3030. Le quotazioni sono scese fino a 1,3009. In caso di breakout ribassista esplosivo di 1,30, è molto probabile una discesa dei prezzi almeno fino a 1,2950. Intanto, il dollaro supera quota 100 yen ai massimi da 4 anni, toccando un top intraday a 101,19.

La forza del greenback è evidente anche su altre valute. Ad esempio troviamo il dollaro australiano verso parità con dollaro Usa e il tasso di cambio sterlina/dollaro verso 1,54. Intanto ieri Wall Street, pur aggiornando ancora nuovi record, ha ripiegato leggermente complice proprio la forza del dollaro sui mercati valutari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>